Secondo Coldiretti in due anni si sarebbero triplicati i terreni di proprietà comunale divisi in piccoli appezzamenti e adibiti alla coltivazione ad uso domestico.