A giudicare dal divieto che la figlia Dakota Johnson, protagonista del film, ha imposto alla mamma Melanie Griffith, è lecito porsi qualche dubbio.