“Se oggi sono quello che sono lo devo alla mia famiglia e soprattutto a te, campione, perché dire che sei un padre straordinario e sempre presente non basta” ha scritto il figlio del vigile urbano aggredito a Catania. Servizio di Fabio Giuffrida