Non ci sono limiti alla creatività e due studenti del Mit lo hanno dimostrato.