Alberto Stasi guadagnerebbe 1000 euro al mese come centralinista per una compagnia telefonica all’interno del carcere di Bollate ma non avrebbe pagato il risarcimento alla famiglia di Chiara Poggi. Servizio di Fabio Giuffrida