Sono chiamati cibi del futuro, anche se buona parte della popolazione mondiale li consuma da secoli. Meduse, alghe e insetti sono protagonisti della conferenza organizzata a Expo Milano 2015 dal Cnr: ricchi di proprietà nutritive e sostanze attive dal punto di vista farmacologico, suscitano ancora qualche resistenza in Italia. Il bisogno di cercare risorse non convenzionali nasce dalla necessità di nutrire una popolazione mondiale vicina ai 9 miliardi e dalle esigenze alimentari che cambiano. Francesco Loreto è direttore del dipartimento di Scienze bio agroalimentari del Cnr. “Oggi si parla di insetti: 2 miliardi di persone nel mondo mangiano già insetti, quindi è un problema culturale prima che alimentare”.