Il presidente argentino, Cristina Fernandez de Kirchner, è stata formalmente accusata di aver ostacolato la giustizia, impedendo le indagini sui funzionari iraniani ritenuti coinvolti nella strage avvenuta nel 1994 in un centro culturale ebraico di Buenos Aires. La Procura della capitale argentina ha così dato corso al documento preparato dal magistrato Alberto Nisman alla vigilia della sua ancora misteriosa morte.