Joseph Rudolph Wood a 55 anni, detenuto nella sezione del braccio della morte in Arizona per aver ucciso la fidanzata e il padre della donna. Il 24 luglio 2014, alle 13:52, è stato legato alla brandina della stanza della morte,dove poco dopo gli è stato iniettato un mix letale di farmaci.

L’uomo è deceduto due ore dopo l’iniezione a base di midazolam e idromorfone, dopo una lunga agonia durante la quale, secondo l’avvocato difensore, Dale Baich, l’uomo “ansimava, boccheggiava e lottava per respirare“.

Questo mix è stato provato solamente una volta prima di Wood, con un altro detenuto, in Ohio. In quel caso il condannato è deceduto nel giro di 13 minuti.