L’ex vincitore di sette Tour de France ritorna sulla questione doping e fa nomi e cognomi. Primo su tutti quello di Hein Verbruggen, numero uno della Unione Internazionale Ciclismo, che a detta del ciclista avrebbe coperto le sue azioni illecite.