I funzionari sono accusati di frode, associazione a delinquere e riciclaggio di denaro. Presumibilmente sono anche coinvolti nella corruzione in merito alla nomina di Russia e Qatar per la Coppa del Mondo del 2018 e del 2022.