La polizia di Pozzallo ha arrestato lo scafista tunisino di un peschereccio a bordo di cui erano presenti almeno trecento migranti. L’uomo è stato fermato e denunciato dagli stessi passeggeri del natante non appena le forze dell’ordine sono salite a bordo.

Fra i trecento migranti che sono giunti a Pozzallo, vi sono soprattutto persone che provengono dalla Siria e dall’Eritrea, senza contare le 43 donne e i 23 bambini presenti a bordo. Una volta individuati, sono stati tutti trasferiti su una nave soccorritrice che li ha poi condotti a Pozzallo. Al momento sono in tutto diciassette gli scafisti arrestati nel 2015.