Nessuna sorpresa dalla Banca centrale europea, che ha mantenuto i tassi di interesse fermi al minimo storico dello 0,75%, così come da attese. La politica monetaria rimarrà accomodante finchè sarà necessario. La ripresa economica è vista nella seconda parte dell’anno, ma rimangono alti rischi.