I giudizi della Corte di Cassazione hanno rigettato il ricorso presentato dai legali di Silvio Berlusconi. Confermati dunque i due anni di interdizione dai pubblici uffici per l’ex premier. La decisione riguarda la pena accessoria circa la condanna emessa dalla Corte di Appello di Milano per frode fiscale ai danni di Silvio Berlusconi nell’ambito del processo Mediaset.