Fin da quando era cucciola Liszka è stata costretta a vivere in una piccola gabbia arrugginita, circondata dai suoi stessi escrementi: grazie all’intervento della polizia adesso è tornata in libertà e può correre all’aria aperta.