Due sculture, una raffigurante Maria Vergine e una dedicata a San Francesco di Paola, avrebbero lacrimato, almeno secondo il racconto dei credenti che accorrono ogni giorno in pellegrinaggio a Cosenza per pregare e recitare il rosario.