La trasformazione della città è evidente: c’è chi ha paura e non esce più di casa, chi progetta il trasferimento e chi è solidale. Ma di chi è la colpa?