Qualche mese fa c’era solo fango, oggi invece tra negozi e ristoranti amatoriali i rifugiati si sentono sicuri. Ma potrebbe non durare a lungo.