È l’ultima campagna dell’organizzazione animalista Peta. Ecco le loro ragioni.