Era annunciato come il film scandalo della 68esima edizione del Festival di Cannes, definito un porno d’autore in 3D, ma alla prima proiezione “Love” dell’argentino Gaspar Noé, ha conquistato solo un record di colpi di sonno. E non solo per l’ora tarda della visione in sala, oltre la mezzanotte. Il film mette in scena un triangolo d’amore con abbondanza di sequenze erotiche, alcune molto esplicite. Nonostante la promessa di testosterone, i commenti all’indomani della nottataccia e di una lunghissima coda fuori dal cinema sono abbastanza impietosi.