Disillusi e coesi. Sono i movimenti parigini e islandesi che in queste ore stanno riempendo le piazze contro i governi. E qualcuno già dice: “Stanno scrivendo una nuova pagina di storia”.