L’attore austriaco non ha peli sulla lingua, nemmeno quando si tratta dei potenziali futuri presidenti degli Stati Uniti.