L’opera era stata considerata razzista. Peccato che i funzionari non avessero capito che si trattava di un murales griffato del noto artistica inglese, noto per il suo stile ironico e satirico.