In stazione Centrale a Milano, l’attivista Nawal Soufi, 28 anni, di origine marocchina, ha fatto sentire forte e chiara la sua voce.