Il film di Pepe Danquart racconta la storia vera del piccolo Srullik, che durante la Seconda Guerra Mondiale riesce a fuggire dal ghetto di Varsavia fingendosi un orfano polacco, ma non prima di aver promesso per sempre a suo padre di sopravvivere mantenendo la propria identità ebraica.