La Corte d’appello di Bologna ha confermato le condanne in primo grado per Cesare Geronzi e Matteo Arpe per la vicenda delle acque minerali siciliane Ciappazzi, filone del crac Parmalat.