Tre studenti dell’Università di Lovanio hanno progettato un nuovo velivolo autoguidato. La forma e l’estensione delle sue ali lo rendono molto più efficiente di altri apparecchi simili.