Il ladro più famoso dei fumetti italiani fa da apripista ad una rivoluzione nell’editoria dei racconti disegnati.