Domani scatta l’aumento dell’Iva che passa dal 21 al 22%. Nell’attesa alcune associazioni quantificano la nuova batosta. C’è chi tira un piccolo sospiro di sollievo: il mancato slittamento dell’aumento si traduce quasi in un vantaggio per chi fa il pieno visto che la bozza del decreto legge per evitare l’aumento prevedeva l’aumento delle accise sulla benzina di 2 cent di euro al litro, un dato superiore all’impatto del rincaro dell’Iva.