In Africa i superstiti della terribile malattia vengono ancora discriminati dalla società per la paura del contagio e di una nuova diffusione del virus.