Il tribunale del Paese africano ha condannato la procace Reda el-Fouly per aver messo online sul sito YouTube un filmato osé ritenuto ‘immorale’.