Il primo ministro inglese cambia rotta e indice nuove elezioni per l’8 giugno.