Ernesto Diotallevi, uno dei capi storici della celebre organizzazione criminale romana, è finito nel mirino della Guardia di Finanza. I sigilli sono stati posti a conti bancari, auto,benni immobili, moto e quote societarie.