Bruno D’Amicis e Umberto Esposito hanno monitorato per un anno intero un faggio all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo: dalle immagini possono scorgersi i vari animali che si alternano davanti al grande fusto nel corso di tutte le stagioni.