Uscito per un soffio dalla cinquina dei film candidati all’Oscar come migliore opera straniera, il film dello svedese Robert Ostlund, un acuto, sardonico e surreale sguardo sugli obblighi e le aspettative sociali e di genere, arriva ora nei cinema italiani.

Tomas e Ebba si godono una meritata vacanza sulle Alpi insieme ai figli. Il loro matrimonio è in una fase di stanca e la tensione, per quanto sottile, è palpabile.

La situazione esplode quando un evento imprevisto mette a nudo le priorità dei due, ponendo in dubbio tutto ciò che i coniugi sapevano l’uno dell’altra e costruendo le basi per un nuovo rapporto.