Era il dicembre 1972 quando Eugene Cernan, comandante dell’ultima missione lunare, Apollo 17, cantava saltellando sulla Luna. Cernan è stato l’ultimo uomo a calpestarne il suolo. Da lì l’Apollo 17 portò indietro circa 200 chili di rocce e ora un frammento di esse è anche in Italia, esposto nel nuovo padiglione Spazio del Museo della scienza e della tecnologia di Milano, inaugurato dallo stesso Cernan.”Il pezzo che c’è qui è un po’ di Luna che personalmente ho riportato sulla Terra – ha spiegato – come genere umano stiamo cercando di capire chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo e con le nostre missioni lunari abbiamo cercato di mettere insieme tutti i tasselli di un puzzle ancora incompleto. Per questo è assolutamente necessario tornare sulla Luna. E un giorno i giovani ancora capaci di sognare, lo faranno. E questa è una promessa”.