Si chiude tragicamente la triste storia della bimba palestinese nata da un parto cesareo dopo il decesso della madre, vittima di un raid aereo da parte dell’esercito israeliano, un caso simbolo dell’inspiegabile guerra fra Israele e Hamas.

Non si fermano le violenze in Medioriente e la strage di civili ci costringe ad aggiornare di continuo, in rialzo, il numero delle vittime. Al momento i palestinesi uccisi nella striscia di Gaza sono 1.336, senza contare i 7.200 feriti.

Secondo la radio pubblica israeliana, il Gabinetto di Sicurezza dopo una riunione di cinque ore, ha deciso all’unanimità di proseguire gli attacchi contro gli obiettivi terroristici e le operazioni di neutralizzazione dei tunnel scavati da Hamas.