Israele e Hamas hanno trovato l’accordo per avviare il cessate il fuoco, dando alle agenzie umanitarie tempo di rifornire di derrate alimentari e farmaci la striscia di Gaza pesantemente colpita dalla guerra.

La tregua arriva dopo duri scontri nella Striscia. Gerusalemme ha richiamato altri 16 mila riservisti per continuare le operazioni contro i tunnel di Hamas, usati dai terroristi per entrare nello stato ebraico e uccidere i civili, esponenti israeliani confermano che fino a quando questi mezzi del terrore non verranno annientati le operazioni andranno avanti. Si calcola che sarebbero 86 mila gli uomini dell’esercito dello Stato di Israele impegnati nelle operazioni a Gaza.

Il bilancio delle vittime è altissimo. Secondo l’agenzia di stampa palestinese al-Ray, vicina a Hamas, le vittime palestinesi sarebbero 1.456 mentre l’esercito israeliano ha comunicato la morte di 61 soldati da quando sono iniziate le operazioni a Gaza.