Dopo la violazione dei siti ministeriali francesi, i pirati informatici tornano all’attacco e stavolta tocca al sito dell’ambasciata del Bangladesh in Russia e al portale del Ministero delle Finanze tunisine.