Una nuova ricerca mette in evidenza che c’è una correlazione diretta tra il movimento della pupilla e l’attività celebrale.