Clamoroso colpo di scena all’indomani della trionfale vittoria dei no al referendum in Grecia che ha bocciato le proposte dei creditori internazionali. Il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis ha annunciato le dimissioni, motivando la decisione con la volontà di aiutare il premier Alexis Tsipras a raggiungere un accordo al tavolo dei negoziati.Con il referendum di ieri la Grecia ha dato ai creditori una risposta netta e senza ambiguità: con il 61,31% dei voti, il “no” chiesto dal governo ellenico ha prevalso superando ogni previsione. Le reazioni internazionali non si sono fatte attendere.