Il “più povero” si attesta sugli 800 milioni di euro. E gli altri?