Affermazioni maschiliste e campagne denigratorie per le donne: ma dove siamo finiti?