Walter Veltroni torna al documentario dopo l’exploit dell’anno scorso dedicato al suo passato politico, Quando c’era Berlinguer.

Il film dell’ex sindaco di Roma, qui alla seconda regia, è una sorta di inchiesta sui bambini italiani, che parte da quel luogo comune che vuole la purezza come portatrice di verità.

Vengono così interrogati 39 piccoli cittadini di ogni estrazione sociale e provenienza geografica, con un occhio sulle situazioni più “particolari” su alcuni temi importanti quali la felicità, la pace, i diritti civili.