Sbagliati, brutti, insoliti, mal realizzati, orribili: non c’è limite al gusto dell’orrido quando si tratta di tattoo