Nemo, il pesciolino più famoso del mondo, viene sacrificato dall’associazione ambientalista in una pubblicità che sta creando polemiche e diatribe in tutto il mondo.

Nel film, prodotto dalla Disney Pixar, il protagonista se la cava sempre, ma purtroppo, nella realtà il pesce pagliaccio è minacciato da un problema molto più grande: l’avidità umana.

Secondo Greenpeace, Nemo, così come tutti gli altri esseri viventi della Grande Barriera Corallina australiana, si trova oggi in grave difficoltà a causa del gigante del carbone indiano Adani, che vuole dragare e scaricare 3 milioni di metri cubi di terra in mare per far posto a un nuovo terminal per il trasporto del carbone.