Secondo una leggenda giapponese, le persone destinate a conoscersi sono unite da un “filo rosso” invisibile