Questa volta hanno dovuto ammettere gli errori e chiedere scusa all’Australia. L’imbarazzo sarà servito a qualcosa?