Arriva nelle sale italiane l’ultimo film di Fatih Akin, regista turco che durante lo scorso Festival di Venezia aveva presentato in concorso Il padre.

Protagonista della pellicola, ambientata durante la Prima guerra mondiale, è il celebre Tahar Rahim già protagonista de Il passato e Il profeta. Tema affrontato da Il padre è il genocidio degli armeni, l’anno fatidico è quello del 1915,

Il giovane fabbro Nazaret viene fatto prigioniero e separato dalla famiglia durante i rastrellamenti. Dato per morto dopo un lungo taglio sulla gola, che lo lascia privo della parola, solo dopo la fine del conflitto Nazaret scopre che le due figlie date per disperse sono in realtà sopravvissute. Inizia così un viaggio per tutto il mondo che lo porterà a incontrare molte persone, vittime e carnefici, alla ricerca di quelle due ragazzine, ora divenute giovani donne.