La fantascienza è diventata realtà. “E’ incredibile. Attendevo questo momento da tredici anni: bere una birra senza chiedere una mano a nessuno”, così ha commentato Erik Sorto la svolta epocale del braccio robotico, che lui riesce a muovere con la sola forza del pensiero. Un vero progresso della scienza e della tecnologia per una persona tetraplegica come lui, che migliorerà per sempre il suo tenore di vita.