Le emozioni si animano e riempiono lo schermo nel nuovo film Disney “Inside out”, presentato a Roma dal regista premio Oscar Pete Docter, nelle sale dal 16 settembre. Protagonista della nuova avventura Disney-Pixar è una bambina di 11 anni, Riley, ma soprattutto le emozioni che la animano: gioia, paura, rabbia, disgusto, tristezza nel film diventano personaggi pieni di invenzioni. Docter, premio Oscar per “Up”, regista di “Monsters & co.”, autore di “Toy story”, ha affermato:”I bambini sono ben in grado di leggere le nostre emozioni: quello delle emozioni è il primo linguaggio che imparano. Per questo credo che questo film li tocchi direttamente.Per dare corpo si sentimenti, ai ricordi, all’inconscio, al mondo dei sogni, i creatori si sono ben documentati: “Ci siamo molto divertiti a leggere Freud, Jung, abbiamo studiato il ragionamento, le emozioni, come si ricordano, ma trattandosi di un film d’animazione abbiamo scelto degli aspetti divertenti. Per inconscio e subconscio abbiamo realizzato una versione pop di quello che dice Jung. Per i sogni, ci siamo chiesti da dove escano fuori… E allora abbiamo immaginato una strana troupe, con poco tempo e poco budget a disposizione, che ogni notte deve inventare una nuova storia”.